CHIARAMENTE SCIENZA. Terremoti nel Veneto: passato e futuro

TerremotiMartedì 20 gennaio 2015 – ore 17.00, Palazzo Franchetti
intervengono Carlo Doglioni ed Emanuela Guidoboni
coordina Beatrice Mautino
I terremoti sono prodotti dalla liberazione di energia nel sottosuolo, conseguenza dei movimenti relativi tra le placche terrestri. Non è ancora possibile prevedere quando si verificheranno, ma è possibile individuare le zone a maggiore o minore sollecitazione. Non solo: recenti studi hanno riscontrato una correlazione tra il tipo di sollecitazione che determina la rottura delle rocce lungo le faglie e l’intensità dell’evento sismico che si produce. Inoltre, come per tutti i fenomeni naturali, un contributo fondamentale deriva dai dati storici, il cui recupero, scrupoloso e capillare, consente di elaborare modelli il più possibile verosimili per previsioni a medio e lungo termine, che possono facilitare interventi di prevenzione e di messa in sicurezza, valutando la vulnerabilità attuale e i livelli di rischio. Ma come si conducono questi tipi di indagine, e quale attendibilità hanno le proiezioni che se ne possono ricavare? Esistono indizi o precursori sismici e, in caso affermativo, è possibile monitorarli e interpretarli come tali prima di un evento distruttivo?
[ Approfondimenti ]
[ Iscrizione all’iniziativa ]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...