Droni by Art. Il giornalismo integrato tascabile (conferenza a Salvatronda)

36pp_Droni_Arte_Cinema_Audiovi_Porte Aperte_Salvatronda_17 febb_2016
________________________________________________

VIDEOCLIP
http://www.rottentomatoes.com/m/drones_2013/
Two soldiers are tasked with deciding the fate of a terrorist with a single push of a button
. As the action plays out in real time, their window to use a deadly military drone on the target slowly closes. With time running out, the soldiers begin to question what the real motives are behind the ordered lethal attack.
__________________________________________
https://www.youtube.com/watch?v=5mBJj_o5wGU
Droni by Art
Avanguardia Russa – Interviste
Soprintendente Piero Colussi e Signora M. Costakis
a Villa Manin (Passariano di Codroipo)

Pubblicato il 06 mar 2015
INTERVISTE a cura di Angelo Miatello e Claudio Malvestio: Avanguardia Russa 1910-1930 (doc. Drone by Art – Castelfranco Veneto)
______________________________________________
https://www.youtube.com/watch?v=X8PJDylaHOc 
Droni By Art – Pocket Journalism –
Partecipa alla selezione del Festival di New York 2015-2016

Pubblicato il 28 dic 2015 (5 minuti)
2nd nycdronefilmfestival.com

____________________________________________
ver01
Salvatronda: Prima conferenza pubblica di Droni by Art. Cinema e Audiovisivo in un giornalismo integrato tascabile. 
Un titolo un po’ insolito questo che vede la tecnologia al servizio della comunicazione impiegata dal gruppo Droni by Art, nato quasi per caso. Una dimostrazione chiara e netta di sfida verso un’opinione pubblica che viene vilipesa da immagini atroci che provengono da luoghi così lontani e diversi che c’è sempre qualcuno che grida “andiamo a combattere e distruggiamoli”. Il prezzo della benzina non è mai stato così basso! Con uno smartphone puoi fare di tutto …comunicare, produrre, divertirti e domani certamente come qualsiasi altro arnese usarlo per secondi fini, come corpo di reato!. Inutile abbracciare il divieto perché il Parlamento è ingessato e non sa fare leggi nuove. Prima o dopo ti crollerà il mondo addosso e ti accorgerai che hai perso sempre molto tempo rispetto ad altre capitali…ieri come oggi.

Sviluppo tecnologico e massificazione del prodotto. Con l’avanzare dirompente delle tecnologie digitali ci si trova di fronte a nuovi traguardi che la Società, nelle sue svariate categorie, non può disinteressarsene. Da pochi anni la pratica dei nuovi mezzi di comunicazione sta rivoluzionando l’approccio con il quale eravamo abituati nel confrontarci, nel metterci in gioco e nella capacità di raggiungere nuovi traguardi. Da una parte sviluppo tecnologico e dall’altra massificazione del prodotto hanno rivoluzionato il mercato.
La sfida è integrare i nuovi linguaggi per realizzare un vero sistema Scuola-Società che permetta ai giovani di trasformare i loro flussi individuali in collettivi e di interagire.

Radioplane_takeoff_drone_L’automazione, in gergo il robot, è la punta dell’iceberg dell’industria italiana perché dà spazio per l’interazione sia con le imprese sia con il capitale di rischio, capitale che proviene in larga parte da finanziamenti europei.
Il drone è un robot volante che dal suo uso militare per difesa (ricognizione) o attacco (metodo indiscriminato) da appena una decina d’anni sta dilagando nell’uso comune civile, ludico, sociale, ambientale e artistico. Da oggetto teleguidato per gare amatoriali si è passati velocemente a complicati e (costosi) droni per la consegna di farmaci in luoghi impervi, per la ricognizione di eventuali persone disperse, il soccorso immediato di incidenti, il controllo a distanza del traffico, delle linee elettriche e ferroviarie, allo stato di salute di piante ad alto fusto e coltivazioni estese, al sorprendente misuratore di radiazioni e inquinanti a largo raggio (sostituendosi alle ormai obsolete centraline fisse).
L’industria dei droni civili si sta evolvendo in modo esponenziale.
“Il mercato italiano dei droni ha già sviluppato una cifra d’affari di 350 milioni di euro, con previsioni di crescita per il 2016 tra il 20 e il 30%. Sono 500 circa le aziende attive in questo settore con fatturato medio di 700mila euro ed una media di 7 dipendenti” (Studio Doxa Marketing Advice per la Fiera Dronitaly 2015).

Il drone è equipaggiato di sistemi computerizzati che trasmettono dati e segnali così precisi e nitidi che il pilota “con i piedi per terra” può vedere, dirigerlo e persino andare oltre. Più sofisticato è l’apparato cine-fotografico e maggiori sono i risultati eccezionali che si possono raggiungere.
Però due sono le condizioni: praticità e governance in un sistema che chiameremmo “integrato”, senza il quale l’uso potrebbe risultare sterile.
Siamo all’inizio di un’era che rivoluzionerà da una parte i tradizionali sistemi di ripresa fotografica e dall’altra evolverà il nostro modo di percepire un’immagine istantanea vista da altri punti focali. Entriamo in un altro campo molto sofisticato cioè delle “neuroscienze” che hanno ribaltato l’equazione  “orecchie=percezione del cervello” in “occhio=percezione del cervello”, (…) “il cervello si fida maggiormente di quello che vediamo – posta Elisabetta Intini in Focus.it del 4/09/2013 – , questo fenomeno, conosciuto come effetto McGurk (dal nome del suo scopritore) è noto da tempo. Ma ora è stato osservato per la prima volta come i segnali visivi influenzano la regione auditiva del cervello, cambiando la nostra percezione della realtà.”

_11M0209xLa tecnologia rivoluziona l’arte.
Immaginiamoci a metà dell’800 quando alcuni privilegiatissimi artisti poterono salire con dei palloni aerostatici, quali sensazioni avranno avuto?
“Le prime salite sul cielo di Roma e l’Agro pontino con un pallone aerostatico di fabbricazione francese avvennero attorno al 1850. Si usò una tombola per beneficienza, organizzata il 5 aprile del 1847 a piazza di Siena a villa Borghese in cui fu prevista l’ascensione di un pallone aerostatico effettuata dal famoso pilota lionese François Arban, alla quale dovevano partecipare, mostrando una non comune audacia, sia Ippolito Caffi (Belluno 1809) che Giacomo Caneva (Padova 1813), come fu pubblicizzato dai giganteschi cartelloni che tappezzavano le cantonate della città”. Due artisti veneti con formazione accademica e specialisti nel disegno prospettico. Le loro impressioni sono così descritte nei taccuini:”le inimmaginabili prospettive aeree, insoliti effetti di luci e di vivere l’eccezionale e mitica esperienza del volo”, in breve “sensazioni di estasi artistica sempre nuova!” (Caffi). “Siamo agli inizi della filosofia del sublime come sentimento suscitato dalla visione degli spazi infiniti…- spiega Federica Pirani – il concetto di orizzonte cambiava; non più linea ideale in cui convergono le semirette della piramide visiva della prospettiva euclidea, ma concetto astratto che evoca le infinite vastità del pensiero, confine con l’ignoto ma anche stimolo per l’immaginazione e metafora per nuove esplorazioni e sorprendenti visioni” (Caffi. Luci del Mediterraneo, 2005, pp.73 ss.)

Le nuove applicazioni digitali stanno trasformando la Settima Arte con ripercussioni che modificheranno la nostra percezione visiva e intellettuale. Lo confermano gli scienziati. D’altronde l’industria dell’advertising non bada a spese per sfruttare il massimo della percezione umana. Lo si vede nei recenti spot televisivi di 15/30 secondi che interrompono uno show forse noioso o avvincente o persino in una sequenza fotografica meno di un secondo in cui viene focalizzato l’occhio della donna che guarda il muso di un’auto che sfreccia.
L’arte dell’audiovisivo può farne uso? Certamente sì perché la tecnologia non ha frontiere, o almeno, così si crede. La creatività va oltre.

https://www.youtube.com/watch?v=hJXnU1Ur2vM
Pubblicato il 02 mag 2015
KATSU Drone Drawing 2015 on Kendall Jenner, Kim Kardashian sister.
Kendall Jenner is the latest victim of new technology this week after a New York graffiti artist used a drone to draw all over her Calvin Klein billboard in Manhattan

dronetag1-702x336Il contagio del drone nelle arti ormai è già iniziato e si propagherà come gli smartphone. Non sono dei maghi quelli che lo dicono. Miniaturizzazione, semplificazione, abbattimento dei costi per la “tiratura” (vedi industria cinese), sono i fattori che incidono in questo processo evolutivo del Terzo Millennio.
Discuterne e mostrarlo sono già dei passi in avanti. Ed è quello che abbiamo tentato di fare nel nostro “Giornalismo tascabile”, con veloci interviste e servizi a curatori, politici e artisti, incuriosendoli e provocandoli. Gli esempi si moltiplicano, passando inevitabilmente le frontiere politiche grazie alla comunicazione globale: il caso della sfilata di moda Fendi di Milano, quello dell’artista vandalo Katsu a Brooklyn o il minuzioso lavoro della coppia di artisti Ella a & Pitr a Saint-Etienne, ripreso dai droni, confermano la nascita di un nuovo racconto. Piaccia o non piaccia sarà la storia che ne decreterà un ruolo fecondo.
Per ultimo va però chiarito che una “deregulation” del loro uso dentro o fuori ambienti circoscritti si accompagnerà ad una sempre più versatilità e garanzia che non procuri danni alle persone e cose. È pur sempre un oggetto volante che, come tutti i robot, non sostituisce l’uomo ma lo asseconda per precise e puntuali realizzazioni.

Droni by Art 2015: Angelo Miatello (Giornalista FPA2000 – Droni by Art);
Daniele Pauletto (Videomaker – Giornalista); Claudio Malvestio (Designer – Reporter); Rosanna Bortolon (Coordinatrice Droni by Art)

Copia di porte aperte al cinema per stampa.jpgRingraziamenti a: Stefano Costa, Paul Zilio e agli amici di Porte Aperte
“Dentro il Film-Tecnologia e Cinema”: mercoledì 17 febbraio ore 20,30, Auditorium G. Graziotto di Salvatronda – Castelfranco Veneto
Organizzazione: Associazione culturale Porte Aperte [Paul, Stefano, Rosanna, Laura, Andrea, Matteo, Mariagrazia, Valeria … e tanti altri che si uniscono di volta in volta oppure decidono di contribuire stabilmente]
Sostenitori: Ubick, ISISS Carlo Rosselli, Comitato Frazionale Salvatronda, Arsenale Roseblu
Parocinio: Comune di Castelfranco Veneto

____________________________________
https://www.youtube.com/watch?v=yP8X2BSGAv4

Pubblicato il 05 nov 2014
AWESOME Drone skyview!! DjerbaHood
Unique sky views of the lanes invaded by street-artists of the Djerbahood project.
Visit the village of Erriadh and discover for yourself the graffiti through our virtual tour of the village : http://youtu.be/xRqOiwdYwzw
Djerbahood is the open-air museum in the village of Erriadh Djerba (Tunisia) invaded by hundreds of street artists from around the world!
Djerbahood a draft Itinerrance Gallery: http://www.djerbahood.com/

links:

Site officiel


http://itinerrance.fr/hors-les-murs/d…
http://facebook.com/djerbahood
http://instagram.com/djerbahood

Music: Birdy Nam Nam – “Red Dawn Rising”
Directed by: Milan Poyet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...