Gli studenti con cittadinanza non italiana nella secondaria di secondo grado


(Parte III – A. Miatello)

 

L’83% dei diplomati di Secondaria di I grado prosegue nella scuola Secondaria di II grado; l’8,9% sceglie la formazione regionale.
Di pari passo al rallentamento della crescita degli studenti di origine migratoria e alla naturale estensione della scolarità, la presenza degli studenti con cittadinanza non italiana nella scuola Secondaria di II grado registra da tempo una dinamica espansiva. Nell’A.S. 2016/2017 gli studenti di origine migratoria frequentanti la Secondaria di II grado sono aumentati di oltre 4.000 unità portando l’ammontare complessivo degli studenti con cittadinanza non italiana presenti nel settore a superare le 191 mila unità, pari al 7,1 % degli studenti totali (Tav. 25).
I dati raccolti dal MIUR attraverso la procedura delle iscrizioni on line permettono di esaminare una serie di informazioni sulla transizione dalla scuola Secondaria di I grado ai percorsi di formazione successivi che tengono conto non solo delle iscrizioni al 1° anno degli studenti che si indirizzano verso i percorsi di Secondaria di II grado, ma anche delle iscrizioni al 1° anno degli studenti che si orientano verso i corsi dei centri di formazione professionali offerti dalle regioni.
Infatti, dall’A.S. 2014/2015 alcune regioni utilizzano la piattaforma MIUR delle iscrizioni on line per acquisire le domande d’iscrizione al 1° anno ai corsi offerti dai centri accreditati di formazione professionale regionale. E’ un servizio offerto dal MIUR che permette, tra l’altro, di migliorare le informazioni, quantitative e qualitative, sulle scelte degli studenti a conclusione del primo ciclo d’istruzione (Le regioni che nell’ A.S. 2016/2017 hanno aderito alla procedura di acquisizione on line sono: Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Veneto, Sicilia).
Complessivamente il 92,1% degli studenti licenziati nel 2015/2016 ha optato per un corso di istruzione o formazione professionale: l’83,2% ha intrapreso percorsi di scuola Secondaria di II grado, percentuale in crescita rispetto all’anno precedente (81,1%); l’8,9% si è diretto verso la formazione professionale regionale (8,7% nel 2015/2016). Allo stato attuale, non è possibile affermare con certezza che il rimanente 7,9% di studenti (riportato nella tavola 26 sotto la voce “nessuna scelta comunicata”) abbia deciso effettivamente di abbandonare la formazione, poiché non tutte le regioni utilizzano la procedura MIUR di acquisizione on line delle iscrizioni. Da notare, comunque, che il confronto tra il 2016/2017 e il 2015/2016 segnala una diminuzione sia in valore assoluto sia in percentuale dei giovani di cui manca la comunicazione sul percorso di Secondaria di II grado intrapreso.

Tavola 25 – Alunni con cittadinanza non italiana per settore di scuola Secondaria di II grado (valori assoluti e percentuali) – A.S. 2016/2017
Percorso / Settore v.a. per 100 alunni
Liceo 53.240 4,1%
Tecnico 71.877 8,5%
Professionale 66.546 12,5%
Liceo Artistico 6.875 5,9%
Liceo Classico 2.423 1,6%
Liceo Europeo 161 3,5%
Liceo Internazionale 1.217 5,2%
Liceo Linguistico 12.827 6,1%
Liceo Musicale e Coreutico 424 2,6%
Liceo Scientifico 20.463 3,5%
Liceo Scienze Umane 8.850 4,5%
Ist. Tecnico Economico 36.354 10,0%
Ist. Tecnico Tecnologico 35.523 7,3%
Ist. Professionale Servizi 42.533 10,7%
Ist. Prof. Industria e Artigianato 19.782 16,5%
Percorsi IeFP 4.231 27,7%
Totale 191.663 7,1%

– Tavola 26 – Tasso di passaggio degli studenti con cittadinanza non italiana dalla scuola Secondaria di I grado alla scuola Secondaria di II grado o ai corsi CFP regionali (valori assoluti e percentuali) – A.S. 2016/2017
Percorsi di secondaria AS. 2015/2016 A.S. 2016/2017
Maschi e Femmine         Maschi e Femmine    Maschi           Femmine
Totale 47.080 100,0   45.306 100,0      3.668 100,0 21.638 100,0
Scuola secondaria di II grado
38. 204 81,1%  37.680 83,2% 19.094 80,7% 18.586 85,9%
di cui:
– Licei, Tecnici e Professionali – – 34.916 77,1% 17.250 72,9% 17.666 81,6%
– IeFP complementare e integrativa – – 2.764 4,1% 1.844 7,8% 920 4,3%
Corsi IeFP presso strutture formative accreditate dalle Regioni
4.099 8,7% 4.043 8,9% 2.568 10,9% 1.475 6,8%
Nessuna scelta comunicata
4.777 10,1% 3.583 7,9% 2.006 8,5% 1.577 7,3%

Tra gli elementi che incidono sulle scelte d’iscrizione alla Secondaria superiore, il risultato conseguito all’esame di licenza media appare decisivo.
La tavola 27 permette di esaminare il percorso di Secondaria superiore prescelto dagli studenti, italiani e non, nell’ A.S. 2016/2017 in rapporto alla votazione conseguita all’esame finale di Secondaria di I grado nell’anno scolastico immediatamente precedente. In generale, gli studenti con cittadinanza non italiana mostrano di avere un modello di comportamento simile a quello degli studenti italiani. In ambedue i gruppi l’opzione per gli istituti professionali è tanto più frequente quanto più bassa è la votazione conseguita alla licenza media, viceversa quanto più alta è la votazione, tanto più frequente è l’orientamento verso i licei.
La differenza tra gli studenti con cittadinanza non italiana e gli studenti italiani risiede piuttosto nella votazione finale. Il 67,3% dei primi ha conseguito il diploma di Secondaria di I grado con una votazione di 6 o 7, mentre, la maggioranza degli studenti italiani (55,3%) ha ottenuto il diploma con una votazione uguale o superiore a 8.
Nel dettaglio, la distribuzione degli studenti in base al voto conseguito evidenzia che tra gli studenti con cittadinanza non italiana diplomati con la sufficienza, il 13,9% si iscrive ai percorsi di corsi regionali di Istruzione e Formazione Professionale di sussidiarietà integrativa o complementare, il 28,7 agli istituti professionali, il 41,0% agli istituti tecnici e il rimanente 16,4% ai licei. A parità di voto optano per l’istruzione e formazione sussidiaria più i maschi (16,0%) che le femmine (10,4%). In ogni caso, i ragazzi diplomati con sufficienza scelgono soprattutto gli istituti tecnici (47,9%), mentre per le ragazze la distribuzione tra i diversi percorsi è più equilibrata (26,8% licei, 29,3% istituti tecnici e 33,5% istituti professionali).
Al crescere della votazione, aumenta la percentuale di studenti che si orienta verso gli istituti tecnici e i licei. Tra gli studenti promossi con 7 la quota di quanti scelgono gli istituti tecnici arriva fino al 44% (31,7% le ragazze, 56,0% i ragazzi) e fino al 31,9% quella di chi opta per il liceo.

Tavola 27 – Alunni con cittadinanza non italiana e italiana per votazione conseguita all’esame di stato conclusivo del primo ciclo, genere e percorso di scuola Secondaria di II grado intrapreso (valori percentuali) – A.S. 2016/2017

Infine, in modo simile agli studenti italiani, anche gli studenti con cittadinanza non italiana che hanno conseguito le votazioni massime, scelgono in grande maggioranza i licei: 52,4% la quota degli studenti che sceglie i licei tra i promossi con 8, percentuale che sale all’83,8% e al 90,5% tra i promossi rispettivamente con 10 o 10 e lode.
L’opzione per i licei è decisamente più diffusa tra le studentesse. Scelgono i licei il 59,2% delle ragazze promosse con 8, il 78,2% di quelle promosse con 9 e la stragrande maggioranza delle studentesse promosse con 10 e 10 con lode. Nella fascia delle votazioni alte rimane comunque più elevata rispetto agli studenti italiani, la quota di studenti stranieri e studentesse che si indirizza verso gli istituti tecnici (37,2% per i licenziati con 8; 24,2% per i licenziati con 9 e 14,5% tra i promossi con 10).

Tavola 18 – Comuni con maggiore presenza di alunni con cittadinanza non italiana per i primi Paesi di provenienza (valori assoluti e percentuali) – A.S. 2016/2017 (*)
Romania Albania Marocco Cina Filippine India Moldavia Ucraina Pakistan Egitto
Altri Paesi
Verona 7.021
14,3% 21,9% 6,4 7%,1 6,0% 1,4% 2,1% 11,4% 0,9% 1,8% 0,1%41,0%
Padova 6.445
15,5% 22,3% 5,1% 9,0% 9,2% 6,1% 0,4%15,3% 1,3% 1,3% 0,3% 29,7%
Venezia 5.680
15,1% 11,7% 6,8% 1,7% 9,5% 4,9% 0,5% 15,4% 3,9% 0,5% 1,3% 43,8%
Vicenza 4.057
16,3% 9,1% 7,2% 5,8% 5,5% 4,3%1,4% 7,4% 1,2% 4,5% 0,0% 53,6%
Treviso 2.539
11,9%9,2 10,1% 7,1% 7,0% 2,3% 0,9% 9,5% 1,9% 0,2% 0,2% 51,7%
Conegliano 1.458
15,5% 10,1% 10,9% 8,8% 16,7% 2,9% 0,6% 4,1% 3,5% 1,3% 0,1% 40,9%

Schio 1.155

13,1% 16,5% 5,0% 8,5% 2,5% 0,2% 0,9% 4,8% 0,6% 0,3% 0,6% 60,0%
Castelfranco Veneto 1.144
10,6% 28,9% 8,2% 13,3% 12,3% 0,8% 0,5% 3,9% 1,7% 0,3% -29,9%
San Donà di Piave 1.080
12,5% 21,9% 25,1% 5,9% 6,1% 0,3% 0,6% 7,2% 2,5% 0,2%-30,1%
Arzignano 955
21,1% 4,0% 7,4% 3,1% 0,4% 0,3% 26,3% 0,5% 0,4% –57,5%

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...