ISRAEL GALVÀN presenta il suo “nuovo flamenco” alla Biennale Danza 2018

IL NUOVO FLAMENCO DI ISRAEL GALVÀN ALLA BIENNALE DANZA 2018
Debutta domenica 24 giugno al Teatro alle Tese (ore 22.00) Fla.Co.Men il nuovo flamenco di Israel Galvàn.

“L’ordine delle sillabe può anche variare, ma è sempre flamenco” – si è detto a proposito di Israel Galvàn e della sua moderna danza flamenca, profondamente innovativa e lontana dai clichés. E’ quello che accade fin dal titolo in Fla.Co.Men: musica e gesti attingono a tutta la gamma di stili del flamenco – taranto, verdiale, tango, tonà, rondeña, granaína… – ma per trovare assonanze, echi e reinterpretazioni in altre tradizioni e altre musiche –  dal rebetico alla tarantella, da Ligeti a Luigi Nono e Mauricio Sotelo per arrivare ad Anthony and the Johnsons. Interamente costruito attorno alla musica, lo spettacolo è ritmo allo stato puro, e anche il corpo di Galvàn, energia cinetica all’ennesima potenza, si fa strumento percussivo, in contrappunto ai fiati, agli archi e agli ottoni. Il numero uno del flamenco rompe gli schemi della danza andalusa con uno spettacolo mozzafiato, al tempo stesso ironico e divertente.
Enfant terrible del flamenco, nato a Siviglia nel 1973 dai bailaores Jose Galvàn ed Eugenia de Los Reyes, Israel Galvàn ha nel suo dna il mondo delle tablados, delle feste, degli spettacoli e delle manifestazioni pubbliche animate dall’antica danza andalusa, dal 2010 diventata “patrimonio culturale dell’umanità”.
Attivo dal 1994 con la Compagnia Andaluza, le sue coreografie e la sua danza raccolgono premi e onoreficenze, come il Premio nazionale della danza ricevuto nel 2005 dal Dipartimento di Cultura del Governo Spagnolo per “la sua capacità di generare nuove creazioni in un’arte come il flamenco, senza dimenticare le vere radici che sostengono questa danza e che la rendono un genere universale”. Il vecchio e il nuovo, il tradizionale e il contemporaneo coesistono nelle creazioni di Galvàn, che spazia dal classico al butoh giapponese, sovvertendo il canone pur utilizzando gli strumenti del passato.
Per chi non avesse ancora visto l’antologica firmata da Marie Chouinard, una trentina di assoli e duetti con cui la coreografa canadese, direttrice della Biennale Danza ripercorre la sua quarantennale carriera artistica insieme ai danzatori della sua compagnia, Radical Vitality, Solos and Duets è in replica al Teatro Piccolo Arsenale (ore 17.00). Anche to come (extended) firmato dalla coreografa danese Mette Ingvartsen sarà in replica alle Tese dei Soppalchi (ore 15.00).
Per la sezione dedicata agli incontri con i coreografi del 12. Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, al Giardino della Marceglia (ore 16.00), è la volta di  Jacques Poulin-Denis  accompagnato dalla saggista e critico di danza Elisa Guzzo Vaccarino.
Sempre al Giardino della Marceglia (ore 17.00) il ciclo di film prevede la proiezione di Le Porteur di Dimitri, il grande clown formato al magistero di Etienne Decroux e di Marcel Marceau di cui ha continuato l’illustre tradizione con una propria scuola e una propria compagnia, nonché con il Museo Comico fondato con Harald Szeemann nel Canton Ticino. Ideato nel ’62, Le Porteur è la versione filmata di uno dei primi spettacoli di Dimitri, divenuto nel tempo un vero culto, tutto ruotante attorno a una valigia e al suo contenuto che dischiude un mondo fantastico in una girandola di invenzioni, gag, acrobazie, numeri musicali all’insegna dello stupore e della poesia.

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 24 GIUGNO

ore 15.00 Tese dei Soppalchi TO COME (EXTENDED) (2017, 60’) di Mette Ingvartsen
ore 16.00 Giardino della Marceglia incontro con Jacques Poulin-Denis
ore 17.00 Teatro Piccolo Arsenale  RADICAL VITALITY, SOLOS AND DUETS (2018, 130’) di Marie Chouinard
ore 17.00 Giardino della Marceglia LE PORTEUR – DIMITRI IL CLOWN (1988, 45’)
ore 22.00 Teatro alle Tese FLA.CO.MEN (2014, 90’) di Israel Galván

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...