Venezia: La Scuola nella Città: da venerdì 6 luglio mostra “Storie di moda” Scuola Grande San Giovanni evangelista

Da venerdì 6 luglio 2018 la Scuola Grande San Giovanni evangelista ospiterà, nella Sala Guarana, l’esposizione“Storie di moda” sulla moda veneziana ideata e realizzata da Francesco Briggi, sarto e costumista. L’evento è organizzato dall’Atelier Pietro Longhi in collaborazione con Scuola Grande San Giovanni Evangelista di Venezia.
La mostra resterà aperta da mercoledì a domenica con orario 9.30-14/14.30-17.15. Ultimo ingresso ore 16.45. Ingresso a pagamento: 8 euro per la visita alla sola mostra, 15 euro per la visita alla mostra e al complesso monumentale della Scuola Grande.
Dopo un anno passato fra gli appartamenti privati di Palazzo Nani Bernardo, gli abiti dell’Atelier Pietro Longhi tornano ospiti dell’ente cittadino che per primo riconobbe il valore formativo e culturale della moda. Già nel 2005 l’intero corteo dogale trovò spazio nel Salone San Giovanni e oggi, in una sala recentemente restaurata e aperta al grande pubblico, la moda racconterà la storia della Scuola Grande San Giovanni Evangelista. Diciotto manichini rappresenteranno i passaggi storici più significativi della Scuola, la cui storia è strettamente connessa a quella della città di Venezia.
Si sarà accolti da un manichino che indossa l’abito di un crociato a ricordare la fondazione della Scuola avvenuta nel 1261 e a seguire, una dama del 1300, periodo in cui Venezia getta le basi del proprio impero economico e nel quale la Scuola acquisisce la preziosa Reliquia della Vera Croce (donata nel 1369 dal cavaliere francese Philippe de Mezières). Dal Medioevo dunque si passa al Rinascimento, quando Gentile Bellini rappresenta in un suo dipinto, la Regina Caterina Cornaro che assiste ad uno dei miracoli della Vera Croce. Al centro del grande telero del 1500, il reliquiario che ancora oggi si può ammirare nell’Oratorio della Croce, a pochi metri dall’esibizione, visibile nel percorso museale completo di visita all’intero complesso monumentale della Scuola Grande San Giovanni Evangelista. Due manichini dunque, uno che riproduce l’abito indossato dalla Regina Cornaro ed uno di foggia maschile, che ben riassume il modo particolare di vestire dei giovani veneziani che abbandonarono gabardine e gonnellini per sfoggiare calzabrache e farsetti.
Numerosi gli architetti, scultori e artisti che lavorarono presso la Scuola. Solo per citarne alcuni: Mauro Codussi, i fratelli Lombardo, Andrea Michieli, Palma il Giovane, Tiziano. A ricordare e sottolineare il fervore artistico di quel tempo, una riproduzione di un abito raffigurato dal Veronese (la dama col guanto) ed un uomo in tipico abito rinascimentale, preso sempre da un ritratto del Veronese, realizzato in velluto nero, il tipico colore degli artisti e degli uomini dotti del Rinascimento.
Nella seconda metà del 1600 la relativa serenità della confraternita portò a non avere grandi evoluzioni per l’edificio e questo viene rappresentato dai due abiti la cui  moda è di pesante influenza francese, quasi a mostrare come a Venezia non ci fosse più creazione endemica di arte.
A partire dal 1727 inizia invece il radicale restauro delle strutture murarie del Salone capitolare e una diligentissima cura dei dettagli, sotto la direzione dell’architetto Giorgio Massariri. La luce, caratteristica principale dell’arte del rococò veneziano, fa il suo ingresso dirompente all’interno del salone. Un rialzo di 5 metri progettato dal Massari crea spazio per 12 grandi finestre ovali che illuminano  a fasci il pavimento in marmi policromi, unicum fra le Scuole grandi veneziane, caratterizzate da saloni tendenzialmente più bui.
Esso riprende nella decorazione il complesso impaginato del soffitto, che accoglie grandi tele, fra le quali trovano spazio i colori che hanno reso celebre il barocco veneziano, quelli del Tiepolo.
E’ in questo periodo che nasce la sala che accoglierà la mostra, decorata con un prezioso affresco e  numerosi stucchi attribuiti a Jacopo Guarana.
Nel 1806, anno rappresentato dal leggero abito in seta rigata da donna, la Schola dovette affrontare uno dei periodi più difficili, poiché pur essendo una confraternita laica, non fu salvata dalla soppressione napoleonica. Le preziose opere del Bellini e del Carpaccio furono demanializzate e la reliquia destinata alla fusione. Sotto la dominazione austriaca, già nel 1814 la Scuola fu destinata a pubblico magazzinoe nel 1856 su iniziativa di Gaspare Biondetti Crovato, l’edificio della Scuola venne riacquistato da 83 benemeriti imprenditori privati che ne evitarono la demolizione.
Nella seconda metà dell’800 dunque la Scuola rinasce, e con essa le sue raffigurazioni, quando con orgoglio i confratelli mostrano quanta bellezza si fosse generata nel cuore di Venezia grazie all’amore e la fede dei veneziani. Per questo motivo, riprendendo un piccolo quadro ottocentesco, abbiamo portato in mostra abiti femminili e maschili che rappresentano una svolta non solo per la storia della Scuola, ma anche per la moda. L’uomo indossa una finanziera che potrebbe benissimo essere indossata oggi, a mostrare come la moda maschile abbia finito oltre un secolo fa di seguire grandi sconvolgimenti, mentre la donna continua con la sua sperimentazione. Accanto alla coppia ottocentesca, una dama della fine del secolo, indossa un prezioso abito che mostra come Venezia ricominci ad essere meta del turismo internazionale.
Ma è col 1910 che Venezia torna al suo periodo di fulgore, qui rappresentato dalla donna che salvò la cultura del merletto veneziano, la Contessa Marcello, moglie del confratello che negli anni quaranta, con grande coraggio, per salvare la reliquia dalle razzie e dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, la nascose in un luogo segreto sino alla fine della guerra, conservando il nascondiglio a costo di rischiare la propria vita.
Una lunga storia quindi, quella della moda veneziana, strettamente connessa alla storia della Serenissima che è stata scritta in ogni pietra e mattone che costituiscono la Scuola Grande San Giovanni Evangelista.
Per questo motivo la preziosa collaborazione fra una delle istituzioni più antiche della città e l’Atelier Pietro Longhi, azienda che della ricerca e capacità artigianale ha fatto la sua cifra distintiva, porterà ad una nuova chiave di lettura della storia della città.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...