Politica – “Seduta straordinaria del Consiglio regionale sulla Marmolada. Via libera a larghissima maggioranza alla Mozione: ‘Gruppo della Marmolada: si dia seguito al Protocollo d’Intesa sottoscritto il 13 maggio 2002’”

Il Consiglio regionale del Veneto si è riunito oggi, alle ore 11.00, in seduta straordinaria, presso il Museo della Grande Guerra di Punta Serauta della Marmolada, nel Comune di Rocca Pietore, per l’esame della Mozione, di cui il consigliere Franco Gidoni (LN) è primo firmatario, relativa a ‘Gruppo della Marmolada: si dia seguito al Protocollo d’Intesa sottoscritto il 13 maggio 2002’.
Al termine dell’esame in aula, la Mozione è stata approvata con 32 voti favorevoli su 35 consiglieri presenti; il Gruppo M5S, pur presente, non ha partecipato alla votazione avvenuta con appello nominale.
Questi gli interventi che si sono succeduti durante il dibattito in aula consiliare.
Il relatore Gidoni “La Marmolada, nota come ‘Regina delle Dolomiti’, è un gruppo montuoso delle Alpi, la cui cima più alta è Punta Penia (3.343 m), collocato tra Veneto e Trentino. La questione relativa ai confini amministrativi sul massiccio della Marmolada costituisce una lunga ed annosa vicenda iniziata nel 1911 e che ha portato, in data 13 maggio 2002, i legali rappresentanti della Provincia Autonoma di Trento, della Regione Veneto, della Provincia di Belluno, del Comune di Canazei e del Comune di Rocca Pietore, a sottoscrivere un Protocollo d’Intesa relativo alla valorizzazione della Marmolada e all’individuazione dei confini sulla stessa. Il Protocollo, in particolare, sancisce che la definizione dei confini della Marmolada consentirebbe alle comunità interessate di avviare progetti comuni di rilancio della montagna. La stessa Provincia Autonoma di Trento ha confermato, con delibera di Giunta provinciale n. 990 del 10 maggio 2002, ‘Approvazione dello schema di Protocollo d’Intesa e relativa cartografia’, la volontà del territorio trentino di aderire all’accordo raggiunto. Ma in data 24 maggio 2018, un atto amministrativo dell’Agenzia delle Entrate – sezione Agenzia del Territorio di Roma – ha stabilito quale sia il confine catastale lungo il massiccio della Marmolada, facendo ricadere l’intero ghiacciaio all’interno del territorio della Provincia Autonoma di Trento, basandosi su una delibera del Consiglio comunale di Canazei, contro la quale è pendente un ricorso al TAR del Lazio da parte della Regione del Veneto e del comune di Rocca Pietore. Il parere dell’Agenzia del Territorio si configura come un atto unilaterale che non considera adeguatamente né le esigenze dei due territori, né, soprattutto, la volontà manifestata dagli organi politici, nell’allora 2002 e sancita con il citato atto d’intesa. La definizione dei confini tra i due comuni, ovvero tra le due Regioni, rappresenta un elemento decisivo sia in relazione alla risoluzione di quest’annosa controversia sia perché questione preliminare rispetto a qualsiasi iniziativa di rilancio, sviluppo economico e valorizzazione turistica di quest’area montana.
Il Presidente della Regione del Veneto ha ribadito che la Regione del Veneto intende dare atto a quanto pattuito con la Provincia di Trento nel 2002, alla luce del fatto che solo il citato accordo aveva consentito, dopo molti anni, di pervenire ad una favorevole risoluzione della controversia”. “Con la Mozione presentata oggi – sottolinea il relatore – vogliamo invitare la Giunta a intraprendere qualsiasi iniziativa utile, nell’ambito delle proprie competenze, finalizzata a dare seguito al Protocollo d’Intesa siglato nel 2002, ovvero verificare, attraverso gli organi e gli uffici di competenza, se e come un semplice procedimento amministrativo, quale un parere dell’Agenzia del Territorio, possa prevaricare una procedura legale in corso quale, appunto, il sopra citato Protocollo”.
“Mi dispiace tuttavia vedere alcuni banchi vuoti – conclude Franco Gidoni – perché questa seduta straordinaria, più che per battere i pugni sul tavolo e rivendicare un confine, assume il significato più profondo di cercare di comprendere come si viva in alta montagna, per conoscere un territorio che presenta caratteristiche e quindi necessità peculiari. Dobbiamo questo impegno alla popolazione che qui vive e lavora, superando notevoli avversità e disagi. Questa non è quindi una passarella, ma una preziosa occasione per discutere in ordine ai problemi della montagna. Oggi mi sarebbe piaciuto conoscere l’opinione del Partito Democratico su queste tematiche, peccato, anche in previsione del futuro governo della Regione, dal 2020 al 2025 che dovrà programmare le azioni necessarie allo sviluppo del nostro territorio. Confido nell’avvio degli Stati Generali della Montagna, perché dobbiamo restituire alla nostra comunità il senso di appartenenza, prodromico alla crescita armonica del Veneto”.
Manuel Brusco (M5S): “Abbiamo deciso di partecipare a un Consiglio per noi, comunque, importante perché i consiglieri sono saliti fin qui per prendere coscienza del territorio e delle esigenze dei residenti. Però, non è con una Mozione così scritta che si difende un territorio, bensì sarebbe opportuno studiare un piano programmatico, per continuare a parlare di montagna anche nei prossimi mesi, ma anche di altri territori che stanno affrontando disagi, penso ad esempio al Polesine. Siamo qui anche per onorare la memoria dei caduti di tutte le Guerre. Ci asterremo comunque dalla votazione”.
Il Governatore Luca Zaia “Ringrazio l’ingegner Vascellari e il Sindaco di Rocca Pietore per l’ospitalità. Oggi celebriamo la storia di un Paese che è andato in rovina, perché ci troviamo a discutere di un problema che si trascina stancamente da ben 45 anni, ovvero dal 1973, quando i vecchi confini ‘storici’ del 1778, individuati dalla Repubblica Veneta e dal Vescovado di Pordenone, furono messi in discussione da Canazei. Tutti questi anni di ricorsi e contro ricorsi sono il simbolo di un Paese che non funziona. Almeno si rispetti l’accordo del 2002, disconosciuto nel 2017 da Canazei. Ma sono fiducioso che vinceremo il ricorso al TAR. Bisogna però essere sinceri: la Marmolada ha iniziato ad attrarre interesse quando è diventata meta turistica, finché era solo un ghiacciaio non faceva gola a nessuno. Non siamo guerra fondai, non ce l’abbiamo con gli amici trentini, però questo ginepraio di sentenze e documenti sta pregiudicando la qualità della vita della gente di montagna. E noi vogliamo tutelare i veneti che vivono sulle montagne e che accettano di affrontare quotidianamente una sfida difficile. Vogliamo difendere i nostri confini, a tutti i costi, ma confido comunque nella riapertura di un dialogo costruttivo con la Provincia Autonoma di Trento, per superare tutti assieme gli interessi e le logiche di parte, e combattere uniti per rispettare la nostra identità e la nostra storia, nonché per onorare la memoria e il sacrificio dei nostri caduti. Dobbiamo tornare a pensare in grande, anche con riferimento alla candidatura alle Olimpiadi 2026”.
Stefano Casali (CDV) “Voteremo l’ordine del giorno, di cui chiediamo la sottoscrizione, e voteremo a favore di questa Mozione, perché crediamo nell’importanza di difendere le radici di un popolo. Dobbiamo continuare a tutelare quei nobili ideali per i quali sono morti tanti nostri avi. Appoggiamo le giuste istanze di questi magnifici territori”.
Massimo Giorgetti (FI) “Essere qui oggi ha il significato innanzitutto di difendere il nostro territorio, oltre i problemi della montagna, per dimostrare che su questo tema non si transige. Mi dispiace quindi per l’assenza di parte delle opposizioni, perché hanno perso un’occasione preziosa per affermare con chiarezza che un tribunale non potrà mai incidere su una storia gloriosa, impreziosita dagli atti di eroismo dei nostri caduti. Voteremo quindi con convinzione la Mozione”.
Maurizio Conte (Veneto per l’Autonomia) “Essere qui è un dovere per chi rappresenta i veneti e deve dare voce ai territori. I confini, invece di diventare momento di condivisione, diventano purtroppo ancora una volta motivo di scontro, anche per colpa delle differenze troppo marcate tra regioni a statuto ordinario e quelle a statuto speciale. Vogliamo mantenere forte il nostro legame identitario e culturale con questi territori, ma per fare ciò dobbiamo offrire loro risposte adeguate e all’altezza delle legittime aspettative, nel segno dell’autonomia”.
Massimiliano Barison (FdI/MCR) “Questa per noi non è certo una passarella, ma un’occasione importante per schierarci a fianco delle Istituzioni democratiche e aiutarle a riappropriarsi del loro potere, scippato da una burocrazia troppo invadente. Sosteniamo inoltre con convinzione la montagna, preziosa risorsa per la nostra regione, che però va difesa con mezzi più adeguati, che possono essere forniti solo con l’autonomia. Voteremo quindi a favore della Mozione”.
Stefano Valdegamberi (Gruppo Misto) “Ricordiamo oggi l’ennesimo atto di arroganza di un potere che non riconosce la volontà espressa dai territori. Un atto di arroganza innanzitutto verso la nostra gente e la nostra storia. I veneti che vivono in questi posti hanno il diritto di essere ascoltati. Appoggio quindi con convinzione questo provvedimento”.
Pietro Dalla Libera (Veneti Uniti) “Come veneto voglio difendere la montagna e aiutarla ad affrontare i suoi problemi. La Marmolada è anche veneta, come sancito nel 2002 dal Protocollo d’Intesa. Voterò quindi a favore della Mozione”.
Nicola Finco (LN) “Oggi il Consiglio regionale ha dimostrato di avere una forte sensibilità verso i veneti che vivono nelle zone di montagna, per affrontare tutti i problemi della montagna veneta, a 360 gradi, analizzando tematiche importanti, quali la sanità, l’agricoltura, il turismo, e comunque tutta una serie di politiche che la Regione sta già affrontando. Ma oggi siamo qui anche per riaffermare la legalità e lo stato di diritto, combattendo una burocrazia cieca e sorda alle esigenze dei veneti. Vogliamo riaffermare oggi che questa è terra veneta. Grazie all’autonomia porteremo a casa questa battaglia di identità e di amore per la nostra terra. Da oggi inizia un percorso che ci aiuterà, anche grazie al nostro Governatore, a portare a casa le nostre legittime rivendicazioni”.
Assessore Bottacin “Questa è una giornata importante perché finalmente ascoltiamo le grida dei nostri territori. Ma voglio chiarire un concetto importante e superare così un equivoco che è sorto: alcune materie sono già in capo alla provincia di Belluno, in nome dell’autonomia amministrativa, ma questa forma di autonomia non basta per tutelare i nostri territori dalla vicinanza della Provincia Autonoma di Trento e Bolzano. Qui serve un’autonomia vera che ristabilisca regole uguali per tutti. Abbiamo chiesto l’autonomia per tutte e 23 le materie perché pensiamo di poterle gestire meglio. Dobbiamo pensare in grande per poter sviluppare questo territorio”.
Assessore Caner “Vogliamo semplicemente far rispettare un legittimo accordo che Canazei cerca di fare saltare solo per motivi economici, per costruire un nuovo impianto in cima alla Marmolada che, comunque, non potrà essere fatto senza mettere a rischio la certificazione Unesco. Ricordo infine che la Regione Veneto, negli ultimi anni, ha fatto molto per la montagna veneta, con finanziamenti significativi”.
Assessore Pan “Il 29% del territorio agricolo veneto è in montagna. Il 10% delle nostre aziende agricole ha sede in montagna. Ciò fa capire come quest’area abbia una propensione agricola importante e meriti adeguati finanziamenti, come del resto sta avvenendo negli ultimi anni.
Antonio Guadagnini (Siamo Veneto) “La vicenda storica è sempre stata chiara e, fino a quando è stata gestita da Stati seri, quali la Repubblica Serenissima e lo Stato austriaco, non c’è stato alcun problema. Poi è arrivato lo Stato italiano, con la sua burocrazia e i suoi ‘giochetti di potere’. Noi veneti, che siamo persone serie, non possiamo mai piegarci alle assurde logiche di uno ‘Stato Pulcinella’, quindi abbiamo fatto bene a essere qui oggi”.
Il Presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, alle ore 13, ha chiuso la seduta straordinaria ricordando che “essere qui oggi sulla Marmolada, a rappresentare l’interesse del Veneto e dei veneti, è un grande onore e motivo d’orgoglio, per far sì che pezzi del nostro territorio non vengano sottratti proditoriamente da chi non è stato eletto dai cittadini. La montagna è sempre stata luogo di incontro e di collaborazione tra le genti, da una vallata all’altra, non certo di scontro. Questo accordo collaborativo è sempre stato portato avanti dalla Regione Veneto e dalla Provincia Autonoma di Trento e Bolzano, almeno fino al 2002. Vogliamo ripristinare questo dialogo costruttivo per affrontare e risolvere seriamente i problemi dei cittadini che vivono in montagna. Con questo atto del Consiglio regionale, la massima istituzione democratica del Veneto, vogliamo riaffermare con forza che i confini, noi, li vogliamo difendere, senza se e senza ma”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...