Rovigo, Galleria Arte Mosè: La solitudine nelle città di Alberto De Crescenzo

Rassegna di spessore artistico e dai contenuti profondi sarà inaugurata sabato 13 ottobre, alle ore 18, presso lo Studio Arte Mosè. L’artista fa un’analisi introspettiva sull’uomo inglobato nelle grandi città. L’ineluttabile attualità dell’ognuno sta solo sul cuor della terra si deduce in modo chiaro dall’opera del milanese Alberto De Crescenzo, ingegnere con la passione da sempre per la pittura. Un desiderio di perfezione stilistica che lo ha portato a frequentare i corsi di figura all’Accademia di Brera. I volti e le posture inseriti nel paesaggio cittadino o comunque in un contesto, seppur isolato, stimolano ad immaginare architetture e arredi urbani. Il realismo figurativo di esplicita reminiscenza espressionista è l’idoneo veicolo comunicativo dell’artista. I toni freddi su matrici ruvide, materiche, contestualizzano “la raffigurazione della città, a volte priva di persone, più spesso abitata da individui generalmente isolati e caratterizzati quasi sempre da un atteggiamento riflessivo -afferma l’Artista-, come se fossero immersi quasi esclusivamente nei propri pensieri”. Si evincono la solitudine, l’incomunicabilità, il tentativo di relazionare. Le gamme cromatiche del
blu, del grigio acuiscono il malessere, il freddo interiore. La figura palesa il disagio, si muove quasi circospetta nel contesto dell’isolazionismo. L’attività umana, le dinamiche sociali si articolano nell’espletamento della necessità dell’esserci piuttosto che nella soddisfazione dell’esistere. C’è il saliscendi in metropolitane, in centri commerciali, in uffici amministrativi: scalinate anonime di contingente bisogno, senza l’opportunità di compartecipazione e interrelazione… Il movimento è dato, vale la citazione, nel seguitare una muraglia. Le facciate esterne degli opifici anni Sessanta-Settanta, separate dal centro abitato, mortificate da un’illuminazione essenziale, gotica nell’aspetto tetro, rimandano a scenari rarefatti e statici già
visti nelle pitture di Hopper. Sono atmosfere operaie, piccolo-borghese immerse nel languore di incontenibile incognita. Il senso di smarrimento nella fissità dei pendolari al finestrino del tram dà la percezione del numero anziché dell’identità, della persona invece della personalità. Ritratti che attendono la continuità della
vita, degli affetti, delle emozioni contro la fissità delle attese: congedi dal consorzio sociale fittizio. La pittura di De Crescenzo rimarca l’indagine psicologica del soggetto intento a riappropriarsi del dialogo intimo, contrapposto alle elusioni, mancate condivisioni. E’ riattivazione pessimistica dell’io in un colloquio con se stesso per scongiurare la solitudine. L’Artista utilizzando forme dal vero riesce a far emergere il sentimento di squallore che il cuore delle città mostra nell’ingranaggio produttivo del terzo millennio. Quella di De Crescenzo è una pittura di accusa, volta comunque a tendere la mano, chiamare ad alta voce l’uomo per interscambio sociale. Con una ventina di oli la mostra si potrà visitare, a entrata libera, nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, dalle 16,30 alle 19,30 in Via Fiume a Rovigo. (Vincenzo Baratella)

Alberto De Crescenzo è nato nel 1961 a Milano, dove vive e lavora. La laurea in Ingegneria Civile non ha limitato la passione per l’arte classica. Sin da giovane ha curato il disegno mostrando predisposizione per la figura umana ed i volti in particolare. Negli anni Novanta ha frequentato la Scuola del nudo presso l’Accademia di Brera. Da oltre un ventennio si dedica assiduamente alla pittura. Dal 2000 ha esposto prevalentemente in Italia. Le mostre più significative sono state le seguenti: 2003 – Personale presso la Galleria Ciovasso, Milano. Catalogo di Giorgio Seveso. 2004 – Kunstwien  (con la Galleria Nuova Artesegno di Udine). 2004 – “Check point”, Palazzo Frisacco, Tolmezzo (UD), organizzata dalla Galleria Nuova Artesegno di Udine. 2004 – Personale presso ArtesegnoCentro d’Arte, Udine. 2005 – Artverona05 (con la Galleria Antonio Battaglia). 2005 – Personale presso la Galleria Antonio Battaglia, Milano, Catalogo di Pierluigi Casolari. 2006 – Human@rt, a cura di Luciano Barbera, Ciminiere di Catania, con Nuova Artesegno.  2007 – Personale presso la Galleria Nuova Artesegno, Udine a cura di Enzo Santese. 2017 – Arte Padova, Stand personale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...