Coronavirus per Vo Euganeo: alla dottoressa Russo il riconoscimento di avere pronto un piano d’emergenza

«Il nostro dipartimento di prevenzione aveva predisposto il piano in caso d’ emergenza. È chiaro che durante la prima riunione, appena arrivata la notizia dall’ ospedale, abbiamo discusso dell’ ignoto, non si conosceva niente del virus, ma avevamo già pronta una strategia, elaborata dalla dottoressa Russo, e questo ci ha avvantaggiato».
Qual è stata la prima decisione?
«Ho chiesto immediatamente di sottoporre al tampone tutti i cittadini di Vo’, più di 3mila persone: i positivi erano 66 di cui 55 asintomatici. Se non li avessimo isolati subito e disposto la quarantena dell’ intero paese sarebbe stata una catastrofe. Al termine dell’ isolamento l’ Università di Padova ci ha proposto di fare di nuovo il test a tutti i residenti: i positivi, alla fine, erano solo 6. I tamponi sono essenziali e da questa settimana ne faremo ancora di più dato che è arrivato un nuovo macchinario».
Di cosa si tratta?
«È stato dato in dotazione al laboratorio del professor Crisanti: in totale riusciremo a produrre 15mila test al giorno». (Luca Zaia)

[da Libero.it, 06.04.2020, Alessandro Gonzato]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...