Archivi categoria: Archivio

Articoli pubblicati fino al 2014

Dai fischi agli applausi, il debutto della Milanesiana

di Stefano Biolchini
25 GIUGNO 2007
Fischi al debutto: sia apre fra i “buuh” l’ottava edizione della Milanesiana. Peccato! Peccato per le emozioni che Antony & The Johnsons hanno saputo regalare al pubblico, peccato per le letture intense di Michael Cunningham e per i toccanti ritratti d’homeless di Andres Serrano. Peccato infine per il lavoro di Elisabetta Sgarbi. Fatto sta che non appena l’assessore alla cultura della Provincia di Milano, che sponsorizza la manifestazione, nel dare il benvenuto d’avvio ha invitato a parlare l’assessore comunale, Vittorio Sgarbi, i fischi si sono fatti sentire, eccome!
Infastidita la Sgarbi ha richiamato sul palco con un «piaccia o non piaccia» il fratello assessore, insolitamente contenutissimo. Ma, come dire, l’aria si era fatta pesante. Tanto più poi che di li a poco alla stessa Elisabetta sarebbe toccata l’ingrata sorte di annunciare la defaillance canora di Antony, vero idolo della serata, che per un problema alle corde vocali non avrebbe potuto cantare. Ancora mugugni. A nulla sono valse in proposito le parole scritte da Cunningham sull’Assoluto; poi, improvvida, la Sgarbi ha sfidato il pubblico a provarsi a fischiare Antony, che pur non cantando, avrebbe magicamente accompagnato al piano le letture di Cunnigham. Dopo la sfida, gli ennensimi buuh si fanno certezza. Ma è un vento ballerino: gli applausi arriveranno e saranno la vera cifra della serata. Perché da qui in poi il crescendo è magnetico e totale, l’intensità un continuum, la serata alta.
In fondo ad Antony bastano le parole per avvolgere il pubblico; e le lacrime, spesso citate nelle sue canzoni, si trasferiscono su molti visi; l’incanto si fa denso. Emozionante e basta! Peccato per quei fischi, inutili e a fin di serata ingiustificati. Per un Antony senza voce è riscatto e trionfo. Per la Milanesiana un buon inizio, con i fischi che come nella favola del ranocchio magicamente si tramutano in applauso convinto. Elisabetta Sgarbi può finalmente godersi la festa.

Clyde Bentley: Pocket Journalism Takes More Than Stylish iPhones

i-72eebff1c3030133d3a7ca1bd7d13b7f-Clyde Bentley(November 13, 2007)

Mark Glaser is away on vacation this week, but we’re happy to have Clyde Bentley filling in as a special guest blogger. Bentley is an associate professor of journalism at the University of Missouri. Bentley helped start the MyMissourian grassroots journalism hub, and teaches students how to incorporate interactivity into their journalism. His research team hosts its own blog, The Cyberbrains . Glaser will return to the blog next Monday.
An AP technology story out of Japan hit home week. It detailed how young folk in Asia are abandoning the PC by the drove.
I’m almost with them. Young Japanese like Masaya Igarashi want gaming toys, music players — and “computers” that fit in their pockets. I’m convinced we are all heading that way.
Twice in the past year I have had a powerful computer riding in my jeans via loaner smartphones from Nokia. But unlike Masaya and friends, I was looking for a portable newsroom rather than a miniature dorm room. And we are nearly there.
I first wrote about what I call pocket journalism for Online Journalism Review last December after spending the fall in London with the N93 smart phone. But I first fell in love with them on a 2006 trip to Seoul, where I found many of my journalist colleagues leaving the laptop behind with supreme confidence.
This fall I had the chance to test Nokia’s new wonder, the N95. To say I was bowled over is an understatement. But there is no getting around the fact that I was also disappointed.

i-275b24305830e49daf02f5ffb1d6fde9-phone1The techies at the Missouri School of Journalism joke that I can break any piece of equipment they hand me. But that’s often because I go out of my way to try. I believe that one of the roles of a major journalism school is to give both hardware and software tough and realistic tests. I’m not very interested in gadgets designed for consumers. I want to know how they will stand up to a working journalist. That’s why I passed on the iPhone. While it is elegant, simple and cool beyond belief, it is basically a “player” in the genre of a TV set, radio or a printed page.
The new smart phones out of Scandinavia and Asia, however, are full-bore computers. I was amazed at both the N93 and N95. Every time I was about to exclaim “gotcha!,” I was able to dig through the tome-like user manual for an answer. Calling home is just a minor feature of these smartphones. Both had WiFi, the Office suite and access to a good selection of Symbian OS software. And FM radios. And MP3/MP4 players. OK, even GPS navigators and barcode scanners.
I was first attracted to the phones, however, by their cameras. The older N93 is a big honker as phones go, but it has a powerful optical zoom lens for its 3.15 megapixel still and VGA camera. The N95 has a 5 megapixel camera, but only a digital zoom. That makes the resolution about even when you zoom to 20 feet. And you can edit the heck out of the results with the included software.
Pretty slick if you are a tourist, but the addition of one accessory made it a portable office. Think Outside makes a full-size Stowaway keyboard that connected to the phone via Bluetooth and folded into a wallet-sized rectangle that fit into my back pocket.

THE FRAGILITY OF POCKET JOURNALISM

I have since waxed poetic about pocket journalism to professionals and academics alike. Both phones produced publishable photos and videos, though the still photos were noticeably better with the N93. In Europe, one can be online anywhere via fast G3 cell links. In the U.S. you can fake it on EDGE. But in both places I could go to a coffee shop, whip out the phone and keyboard and use WiFi to write, edit and file stories, photos and video. Then I could put both in my pockets and walk away without my badge-like briefcase.
That all went well until I ramped up the test in Mizzou’s real-life news operation. Journalism doesn’t play fair. It requires you to work in ungodly conditions, be able to grab a quote or an image in an instant and communicate at the drop of a hat.
I found that to effectively replace a laptop with the current crop of smartphones, a journalist needs the eyes of a 20-year old, the fingertips of an elf and the tenderness of a surgeon. Tiny is tiny, no matter how you look at it. I couldn’t get the knack of quickly switching to audio recorder, photographing a poorly-lit subject on the go and texting the office while walking out of the meeting.
But it was my lack of tenderness that did in the N95. Recalling the many times I’ve scrambled to an accident scene, I dropped the Nokia into my pocket and stumbled down the hill to the fishing hole behind my house. By the time I reached the bottom, the screen on the phone was shattered.
Unprotected large LCD phones don’t stand up well to the front-pocket flex of deep-knee clambering. I nearly cried when I saw what had happened to the N95 – though I was delighted to find it still worked well enough to film the bass I caught.
With all my heart I want a fancy smartphone. The hell of it is that journalists don’t need the wonderfully stylish technology we all write about. We need basic tools that will stand up to regular abuse. I think the N93 would have survived my hike because it is a thick flip phone. But no flat-faced phone should be carried outside of a suit pocket or a purse. Especially if it costs $800 or more.
I’m still confident that, like those Japanese teens, our computing future is pocket-sized. But journalists will need fast, Hummer-tough units accessible to 50-something eyes and fingers. There is not much of a market for that yet. But just as Panasonic finally introduced a laptop that will take a drop from a pressbox table, it is only a matter of time before the smartphone makers will give us a unit that survive Clyde the Breaker.

72.Mostra del Cinema: Elisabetta Sgarbi con “Il pesce rosso dov’è?” presenta il suo terzo episodio sulla vita del Delta Po

21216-Elisabetta_Sgarbi__2__-_Il_pesce_rosso_dov___(Venezia, 12 settembre 2015)

Elisabetta Sgarbi porta alla Mostra il suo terzo episodio della trilogia dedicato agli uomini e alle donne del Delta Po. Dopo “Per soli uomini” e il “Pesce siluro è innocente”, è stata la volta de “Il pesce rosso dov’è?” che, attraverso i racconti dei pescatori, lancia un grido d’allarme per la salute di quella zona d’Italia.
“Il mio film – spiega la regista in conferenza stampa – invita ad ascoltare gli uomini e le donne del fiume. La loro memoria non è qualcosa da raccogliere per gli archivi. Le loro parole riguardano il nostro futuro e il futuro del fiume. L’inquinamento delle acque, la scomparsa delle specie dei pesci non è estraneo al nostro destino. E l’appuntamento a Venezia, proprio per questo motivo, si è allargato ben oltre il Po, con due scrittori, Cunningham e Richard Flanagan”.
Il lungometraggio di Sgarbi è una buona occasione per ribadire quanto sia importante di salvaguardare l’eco-sistema d21222-Il_pesce_rosso_dov____1_-_photo_by_Sebastiano_Faccoel Delta del Po, dopo che l’Unesco ha dichiarato “il Parco del delta del Po una riserva della biosfera di valore mondiale perché è luogo speciale, dove si incontrano natura e cultura, in forme e modi affascinanti e unici. Quel riconoscimento è un onore ma anche un impegno. Il film di Elisabetta Sgarbi testimonia un amore speciale che lei, ferrarese, intrattiene con il grande delta, frontiera amica e nemica dove il fiume incontra il mare. Lo sguardo di Elisabetta Sgarbi sugli uomini del delta, sul loro lavoro, sulle loro storie, ci consegna quei luoghi da un’altra angolazione. Il lavoro di Elisabetta Sgarbi valorizza il delta del Po per l’oggi e per il futuro”.
A parlare delle condizioni allarmanti in cui versa l’ecosistema del fiume è uno dei pescatori protagonisti de “Il pesce rosso dove’è?”, domanda che sintetizza la sparizione di molte specie di pesci: “La causa sono i comportamenti dell’uomo che alterano l’ecosistema, il clima, senza prendere in considerazione le conseguenze. Si usano molte parole ecosistema, biodiversità, ma al di là di queste non si fa nulla e le specie continuano a sparire. L’unico modo per migliorare la situazione è provare a modificare questa tendenza tramite la comunicazione. Certo, ci vuole anche chi percepisca il messaggio ma la comunicazione è una scienza e dovrebbe essere capace di modificarne i modelli culturali ed educativi”.

7438-Il_pesce_rosso_dov____-_Pressbook_-_ITA

L’area archelogica di Altino

cache-cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_2db10a7444ae34da04f743bac9455bbaAll’esterno il percorso espositivo inizia dal lato del portico che fiancheggia il Museo e si apre con tre pannelli esplicativi che trattano il primo della composizione e della funzione dei recinti sepolcrali romani, il secondo della loro collocazione topografica nell’area altinate e il terzo del contenuto delle iscrizioni esposte. L’allestimento si compone di circa una quarantina di monumenti lapidei iscritti di età protoimperiale (I secolo a. C. – II secolo d. C.), che recano indicazioni sulla proprietà e sulle misure dei recinti funerari rinvenuti nelle necropoli altinati della via Annia, della via per Oderzo e della strada di raccordo tra quest’ultima e la via Annia. Presso l’estremità del lato del portico opposto a quello del Museo è esposto un tronco di rovere squadrato rinvenuto nell’area del canale Sioncello e utilizzato probabilmente come rinforzo di sponda. Il percorso termina lungo questo lato con un pannello che illustra la ricostruzione ideale dell’area archeologica altinate.
Nel giardino di fronte alla porta d’ingresso del Museo sono esposti alcuni elementi relativi al mausoleo a baldacchino cui appartengono i ritratti esposti nella Sala I.
Tra i diversi reperti collocati lungo la facciata e nel giardino del Museo si trovano alcuni notevoli frammenti di architravi e cornici decorate.
Nel piccolo giardino, dov’è visibile la prosecuzione della strada basolata mantenuta a vista nell’area archeologica Est, è stato ricostruito un recinto funerario in blocchi di trachite proveniente dalla necropoli N-E dell’Annia.
Area Est
I resti più consistenti esposti nell’area Est si riferiscono al settore nord-orientale della città romana, che nel corso dei secoli ha subito importanti trasformazioni di tipo urbanistico.
Età tardorepubblicana: presso il limite orientale dell’area era attivo, fino all’inizio dell’età augustea, un canale orientato in senso nord-sud, precedente alla realizzazione del decumano, immediatamente visibile dall’ingresso all’area archeologica. Una gradinata in calcare, attualmente esposta all’interno di un abbassamento transennato, fungeva da approdo lungo la sponda occidentale del canale. Accanto a questa struttura sono visibili anche i resti di una grande fondazione in opera laterizia a pianta rettangolare, che si estendeva sotto il decumano.
Età augustea: all’occlusione del corso d’acqua succede la costruzione del decumano porticato, esposto per una lunghezza di circa 40 m, a sud del quale è esposto un prezioso pavimento in lastre di marmo con l’inserzione di un elemento circolare su cui poggia una base marmorea, interpretabile probabilmente come sostegno di un tripode per il culto di Apollo.
II secolo d. C.: la strada viene ricostruita in trachite e secondo un tracciato leggermente deviato rispetto al precedente ma mantenendo il portico sicuramente almeno lungo il lato sud. A nord del decumano sono i posti i resti di una domus con pavimentazione a mosaico: il motivo centrale è costituito dalla raffigurazione di un kantharos in tessere vitree policrome, di cui alcune risultano rivestite di foglia d’oro. Di nuovo lungo il lato nord del decumano ma nei pressi dell’ingresso all’area, sono esposte le pavimentazioni a mosaico di un’altra domus, di cui si riconoscono: l’ingresso (fauces), con un mosaico che rappresenta una pantera che si abbevera ad un corno potorio, probabilmente a rappresentare l’adesione del proprietario al culto dionisiaco; uno spazio centrale aperto e porticato ai lati (atrium); i vani che si affiancavano all’atrium (alae) e il principale vano di soggiorno della casa (tablinum).
IV secolo d. C.: nel settore settentrionale dell’area, oltre i resti della domus, sono esposte le fondazioni di un imponente edificio a pianta rettangolare, forse a destinazione pubblica con funzione difensiva, ricavate dallo scavo di ampie trincee riempite con basoli e crepidini del decumano sui resti della domus del II secolo d. C.
Area Nord
L’area archeologica coincide con l’estensione di un’insula trapezoidale della città romana delimitata a est dal kardo maximus, a sud dalla prosecuzione del decumano esposto nell’Area Est e nel giardino del Museo, a ovest e a nord da un canale che doveva comunicare con il Sioncello e che lambiva la città. I resti più consistenti si riferiscono ad una delle porte urbiche della città, la settentrionale, e al kardo maximus. Il filare di pini marittimi ripercorre l’andamento del canale che delimitava la città a nord. Lungo la sponda dello stesso canale gli scavi hanno messo in luce una grande struttura in parte porticata e dotata di una banchina di ormeggio, interpretabile come un deposito di merci connesso con un molo fluviale. L’impianto della porta e della struttura porticata risale alla fine del I secolo a. C.
La porta urbica: l’edificio è costituito da una corte centrale a pianta quadrata di 9 m di lato e da due torri quadrangolari presso gli angoli settentrionali; presenta fondazioni in blocchi di arenaria legati da malta e costruite sopra una palificata in grossi tronchi di rovere; l’alzato era in laterizi. Ai lati della porta gli scavi hanno messo in luce un breve tratto delle mura della città, che, però, non si distribuivano lungo tutto il suo perimetro e, pertanto, sia la porta che le mura tendono ad essere interpretate non tanto come un’opera a carattere difensivo, quanto, piuttosto, come un ingresso monumentale alla città. Originariamente l’accesso dall’esterno avveniva attraverso un approdo dal canale che cingeva la città, pertanto il complesso della struttura nell’impianto originale è da interpretare come una porta-approdo.
Il ponte: di poco posteriore alla porta è un avancorpo rettangolare addossato all’interturrio, sostenuto in parte da palificate e in parte dalle riseghe di fondazione delle torri. Esso si interpreta come il basamento di un ponte che attraversava il canale e portava all’esterno della città. Alla fine del I secolo d. C. l’espansione verso nord dell’area urbana determinò l’interramento del canale.

C O M U N I C A T O S T A M P A (dicembre 2014)

Dopo vent’anni si sono conclusi i complessi e articolati lavori di ristrutturazione e adeguamento funzionale del Nuovo Museo Archeologico Nazionale di Altino (Venezia). Finalmente questo straordinario sito, uno dei più importanti della romanità cisalpina e un caso storico-archeologico di rilevanza internazionale, dispone di una sede idonea ad ospitare gli ingenti lotti di materiali provenienti da secoli di collezionismo e ricerca scientifica. Ostacolati da notevoli difficoltà burocratiche e finanziarie e dal rinvenimento dello straordinario santuario protostorico, che rappresenta il più antico nucleo della futura città, proprio nello spazio destinato al nuovo museo, i lavori sono stati condotti in porto grazie alla sinergia tra il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici e Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto), la Regione del Veneto e la Società Arcus SpA.
Il progetto, elaborato dalla Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici, che ha altresì svolto le funzioni di stazione appaltante, rappresenta un notevole esempio di architettura museale contemporanea, con grandi spazi storici e strutture aggregate ex-novo, che permetteranno di creare un vero e proprio polo culturale a sostegno del grande progetto di ricerca e valorizzazione di una delle meglio conservate città romane del nostro paese. L’allestimento di questi spazi, progettato dalla Soprintendenza per i beni archeologici del Veneto, è già iniziato e il primo lotto espositivo, che prevede, nella storica “Risiera”, le sezioni dedicate alla preistoria e alla protostoria al piano terra e quelle dedicate alla romanizzazione e alla città romana al primo, sarà completato nell’arco di pochi mesi in modo da consentire, nel prossimo giugno, l’apertura al pubblico del museo.
I costi complessivi dell’attuale intervento sono stati ripartiti come segue:
• il primo lotto di lavori di allestimento e di adeguamento funzionale del Museo archeologico nazionale di Altino di importo pari a € 500.000,00 è stato interamente finanziato da Arcus Spa.
• il completamento dell’intervento di importo pari a € 6.000.000,00 è stato oggetto di un’intesa tra la Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto e la Regione del Veneto che hanno contribuito rispettivamente con un finanziamento di € 1.200.000,00 di provenienza Arcus Spa e con un contributo pari a € 4.800.000,00 nell’ambito delle risorse POR-parte FESR (2007-2013).

Nuove modalità di gestione integrata tra diversi enti pubblici (statali e locali) e il significativo concorso dei privati consentiranno di ottimizzare le risorse umane e finanziarie necessarie alla gestione di questo grande complesso museale. Considerata la lunga attesa e la forte aspettativa da parte della comunità locale e degli addetti ai lavori e la grande soddisfazione di aver finalmente completato un percorso estremamente laborioso ma con risultati eccezionali, che fanno di Altino l’unica struttura museale archeologica propriamente moderna e in linea con gli standard internazionali del Veneto, è parso giusto condividere con il pubblico un primo momento inaugurale del complesso. In un’ottica di partecipazione delle tappe del programma di allestimento è stata predisposta una sezione di spiegazione del percorso espositivo dell’intero compendio e sono state preallestite alcune vetrine che fungono da esempio di quello che sarà l’assetto definitivo.

Altino (VE), nuovo Museo Archeologico Nazionale: internoSarà possibile visitare tutti gli spazi del museo, già perfettamente restaurati e adeguati alle nuove funzioni, comprese quelle essenziali degli uffici, dei laboratori, della biblioteca, della sala conferenze, dello spazio per esposizioni temporanee e dei servizi aggiuntivi al pubblico (bar-ristorante, book-shop, punto informativo, aula didattica). Una sorta di “cantiere aperto” condiviso in itinere, quindi, più che la definitiva inaugurazione dell’intero museo, che comporterà ancora anni per il restauro e il trasferimento delle ingenti collezioni altinati e la disponibilità di ulteriori, importanti, risorse finanziarie per la realizzazione dei relativi allestimenti museografici.
La conquista della prima tappa di questo percorso, che farà di Altino e della Laguna Nord di Venezia uno dei principali attrattori turistici del Veneto, sarà celebrata il prossimo 12 dicembre, alle ore 15,30, con il taglio del nastro da parte del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia.
Seguirà l’inaugurazione del nuovo allestimento del “vecchio” Museo di Altino, riqualificato come ulteriore spazio espositivo presso le aree archeologiche, e un brindisi offerto da Bisol. L’evento è aperto al pubblico e rappresenta la prima data di un calendario di eventi pubblici e partecipati che accompagneranno tutti gli interessati alla conoscenza delle ulteriori tappe di realizzazione del progetto di allestimento e in generale degli sviluppi del grande progetto “Da Altino a Torcello. Archeologia, ambiente e storia della Laguna Nord di Venezia”.
Nuovi studi, analisi, scavi e momenti di confronto specialistico e pubblico consentiranno di focalizzare uno dei contesti-chiave per la formazione della cultura europea. Il nuovo museo, oltre che come contenitore/comunicatore degli oggetti simbolo di Altino e della Laguna Nord, è stato pensato come grande polo culturale, attrattore e catalizzatore di tutte le istanze collegate alla conoscenza, alla tutela e alla valorizzazione dell’intero comparto territoriale.

L’ex allievo Cavanis Pandolfo vince il premio Lago

(Archivio 2014)
Alberto Pandolfo, ex alunno della scuola media Cavanis, ha vinto il primo premio “Giorgio Lago” categoria juniores. Il Premio Giorgio Lago – Juniores, arrivato alla nona edizione, vuole scoprire nuovi talenti del giornalismo, stimolando la riflessione delle nuove generazioni su tematiche di grande attualità, legate al territorio. Annunciati al Palazzo del Bo di Padova, i vincitori delle cinque categorie della nona edizione del Premio Giorgio Lago e i vincitori della sezione Juniores, saranno premiati il 23 maggio prossimo al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto. La giuria del concorso in cui Alberto è risultato vincitore era composta da: Francesco Jori (Presidente – giornalista e scrittore), Giancarlo Saran (Assessore alla cultura del Comune di Castelfranco Veneto), Luca Baldin (Docente Universitario), Paola Pastacaldi (Giornalista e scrittrice). I complimenti più sentiti ad Alberto da parte di tutta la grande famiglia del Cavanis di Possagno.

A Riccardo Donadon di H-Farm il Premio Giorgio Lago

Riccardo_Donadon-831x560(Archivio 2014)
L’imprenditoria del nordest non è più solo quella manifatturiera, molto operosa ma talvolta poco innovativa e nessuno meglio di Riccardo Donadon, fondatore di H – Farm, creatore del venture incubator infrange questo stereotipo. Vincitore del Premio Giorgio Lago per la sezione impresa, Donadon ha fondato nel 2005 il venture incubator trevigiano che opera a livello internazionale per favorire, supportare ed accelerare lo sviluppo di startup basate su innovativi modelli di business nel settore Internet e dei media digitali.
Una vittoria che e pregna di significato. Da un lato, in un Nordest che fino a qualche anno fa era patria di uno sciame di piccole e medie imprese, legate per lo piu all’ambito manifatturiero e a basso contenuto d’innovazione, dove il padrone e l’azienda erano tutt’uno, emerge una realta diversa: una farm che ha dato vita a 37 startup e che ospita circa 300 ragazzi, che supporta giovani imprenditori a sviluppare le idee di business piu innovative per internet e i media digitali, credendo e investendo in esse. Dall’altro lato, una realta che funziona, con un volume d’affari di circa 20 milioni annui, e soprattutto che offre possibilita importanti ai progetti con un buon potenziale di successo proprio in quel Nordest che appare come l’unica area del Paese con un saldo negativo nel 2012 tra iscrizioni e cessazioni di impresa, con un calo dello 0.4% (Gem – Global entrepreneurship monitor, 2013), un’area in cui non si rischia piu per concretizzare le idee in cui si crede.
La modalita che il Premio Giorgio Lago – riconoscimento che identifica annualmente cinque interpreti del Nordest che si distinguano, in Italia e nel mondo, in altrettanti ambiti – promosso dall’Associazione Amici di Giorgio Lago, dall’Universita di Padova – Centro Interdipartimentale Giorgio Lago e dal Comune di Castelfranco Veneto, e dunque quella che non si discosta dall’antica ricetta di sviluppo fondata su famiglia, impresa, comunita, ma che cerca vie nuove, che sposa l’innovazione e investe nelle generazioni piu giovani. Un Nordest del quale non si parla e che, invece, il Premio Giorgio Lago vuole riportare in primo piano con l’introduzione quest’anno del Festival del giornalismo Giorgio Lago, che precedera la cerimonia di premiazione e si sviluppera da venerdi 3 a domenica 5 maggio a Castelfranco Veneto (Treviso). Tema della tre 3 ordinario di diritto costituzionale presso la Facolta di Giurisprudenza di Padova nonche vicepresidente dell’Associazione Amici di Giorgio Lago. La premiazione di Riccardo Donadon, affiancato dai rugbisti Mauro e Mirco Bergamasco (Premio Giorgio Lago – sezione Sport), dal giornalista e scrittore Stefano Lorenzetto (sezione Giornalismo), del Fai – Fondo Ambiente Italiano Fai di Padova (sezione No profit) e del festival Pordenonelegge (sezione Cultura), avverra al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto (Treviso) lunedi 6 maggio alle 17,00. Il Premio e il Festival sono patrocinati dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Treviso, organizzato in collaborazione con la Fondazione Giuseppe Mazzotti, con il fondamentale contributo di Veneto Banca. L’ingresso alla serata di premiazione, durante la quale verra attribuito anche il premio “Giorgio Lago: Nuovi talenti del giornalismo” rivolto agli studenti degli istituti superiori del Triveneto, avviene su prenotazione fino ad esaurimento dei 100 posti disponibili. Le prenotazioni si possono effettuare presso la biglietteria del Teatro Accademico di Castelfranco Veneto (Treviso).
Nato come premio giornalistico nel 2005, nel 2011 il Premio Giorgio Lago si insedia a Castelfranco Veneto (Treviso) ed evolve in un riconoscimento dedicato a cinque interpreti del Nordest, spaziando dalla cultura, allo sport, al giornalismo, all’impresa e al volontariato, gli ambiti cari al grande giornalista. Il Premio e stato istituito per volonta della famiglia e dell’Associazione Amici di Giorgio Lago, presieduta dall’industriale Luigino Rossi, con l’obiettivo di segnalare all’attenzione pubblica quelle figure che interpretano fattivamente i valori del Nordest e contribuiscono a costruire quella dimensione metropolitana, di cui Giorgio Lago e stato un precursore. Grande giornalista, per anni e stato impegnato nell’analisi politica del suo territorio con una straordinaria lucidita ed i suoi scritti sono ancor oggi oggetto di studio e di riflessione. Tra i suoi temi più cari, la riforma dello Stato attraverso il federalismo e il ruolo del Nordest quale laboratorio nel processo di modernizzazione dell’Italia.

I laghi delle Dolomiti

Pubblicato il 19 mar 2012

Reportage completo sui Laghi delle Dolomiti (Anterselva, Dobbiaco, Braies, Pianozes, Ajal, Auronzo, Misurina): http://digitalrainbowproductions.weeb…¬l
More videos about Dolomiti: http://digitalrainbowproductions.weeb…
website: http://digitalrainbowproductions.weeb…

La magia di ogni lago di montagna è quella di riflettere i colori delle montagne che li circondano e di creare giochi di luce spettacolari. Sulle Dolomiti i laghi sono punti di arrivo o punti di partenza per escursioni magnifiche che consentono di ammirare panorami mozzafiato. La piccola selezione che segue non è certo sufficiente a mostrare le tante bellezze che affascinano chiunque posi gli occhi su questi specchi d’acqua ma sono comunque un viaggio suggestivo ed emozionante nell’incantato mondo d’acqua che nascondono le Dolomiti.

Riprese e Montaggio donni
A little magic tour to know Dolomiti’s lakes and their wonderful colors.
Musica
“J.S. Bach: Suite No.3 In D, BWV 1068 – 2. Air” di Berliner Philharmoniker (Google PlayiTunes)