Archivi tag: Ilvo Diamanti

“Razza Piave”, la raccolta di editoriali di Giorgio Lago, direttore de Il Gazzettino

“Razza Piave”. E’ un’immagine che a Giorgio Lago era particolarmente cara, perché egli stesso vi si identificava: per storia personale e professionale al tempo stesso. A dieci anni dalla sua scomparsa, l’associazione di amici intitolata al suo nome ha ritenuto di offrire un particolare contributo a tenerne viva la memoria, con un libro che raccogliesse un’ampia selezione dei tanti editoriali da lui scritti nei vent’anni che l’hanno visto prima alla direzione de “Il Gazzettino”, quindi editorialista di “La Repubblica” e dei quotidiani locali del gruppo “L’Espresso”. Giornalista di razza, anzi di “razza Piave”, nel suo intenso e qualificato percorso professionale Lago ha dato corpo a un’idea di Nordest come laboratorio di una riforma del sistema-Paese che purtroppo rimane ancora di là da venire. Una battaglia, la sua, che ha fatto perno sull’idea del federalismo; e che ha dato voce in politica come in economia come nella società a una voglia di cambiamento, di modernizzazione, di innovazione, che rimane oggi più che mai attuale. I testi sono accompagnati dai contributi di una serie di esponenti delle istituzioni, della produzione, del vivere civile, che hanno avuto modo di essere suoi compagni di strada. La speranza è che queste pagine servano a tenere vive la tensione e la passione per un’Italia nuova e diversa, in cui a giocare un ruolo di traino sia un nuovo e diverso Nordest. Il libro, a cura di Francesco Jori e Gianni Riccamboni, dal titolo “C’era una volta il Nordest – Giorgio Lago, vent’anni di giornalismo razza Piave”, è edito dalla Padova University Press, e si arricchisce di saggi di Mario Bertolissi, Massimo Cacciari, Mario Carraro, Giovanni Costa, Ilvo Diamanti, Enzo Pace, Paolo Possamai, Gianni Riccamboni.

Premio Campiello: Ilvo Diamanti presidente della 53 edizione

Ilvo Diamanti
Ilvo Diamanti

Entrano nella Giuria anche Federico Bertoni, docente di critica letteraria e letterature comparate, e Chiara Fenoglio, studiosa di letteratura italiana. Il 29 maggio a Padova si svolgerà la selezione della cinquina finalista, il 12 settembre a Venezia la proclamazione del vincitore. Al via la 53^ edizione del Premio Campiello, che quest’anno avrà come presidente della Giuria dei Letterati il politologo e saggista Ilvo Diamanti. «Una peculiarità del Premio Campiello è quella di scegliere ogni anno per la guida della Giuria dei Letterati una personalità di spicco della cultura, non legata direttamente alla letteratura», dichiara Roberto Zuccato, Presidente della Fondazione il Campiello e di Confindustria Veneto. «Una scelta voluta sia per garantire autonomia e trasparenza al Premio, sia per creare nuove contaminazioni tra mondo letterario e altre forme di cultura, arte e scienza. Ilvo Diamanti è uno degli intellettuali italiani più autorevoli, sempre in grado di offrire un punto di vista originale attraverso le sue analisi magistrali sulle trasformazioni della società e della politica. Siamo certi che saprà coordinare con autorevolezza e rigore i lavori della Giuria nel delicato compito di selezionare le cinque opere finaliste». Ilvo Diamanti commenta: «Sono molto onorato e felice di poter presiedere la Giuria dei Letterati del Premio Campiello. Da oltre cinquant’anni il Premio rappresenta uno degli eventi culturali di maggior impatto sulla società e, come studioso, mi ha sempre interessato perché propone un singolare crocevia fra impresa, lavoro e cultura.  La letteratura, inoltre, offre uno sguardo curioso e rivelatore sulla società e i suoi attori. Io ne ho spesso ricavato spunti e chiavi di lettura per comprendere i mutamenti socio-politici, da prospettive non scontate e im-previste. Il compito che mi è stato assegnato è di grande responsabilità ma anche di grande prestigio. Io cercherò di svolgerlo al meglio».