Verona: Diciassette opere trafugate ritornano a Castelvecchio dopo un anno

cimg0178Rieccole in Italia le opere d’arte trafugate da ladri italiani con complici stranieri dal museo di Castelvecchio.
Un anno fa la clamorosa rapina che ha messo in crisi le autorità politiche e amministrative veronesi, ree di essere state piuttosto superficiali nella sicurezza- Il ministro Franceschini: in Consiglio dei Ministri venerdì giro vite su furti d’arte.

Sono di nuovo a Verona i 17 capolavori trafugati nel corso di una rapina al museo di Castelvecchio il 19/11/ 2015. Le opere, tra le quali dipinti di Rubens, Mantegna, Tintoretto, Pisanello, Caroto per un valore stimato di 20 milioni di euro, sono rientrate alle 18:03 con un volo da Kiev ‘accompagnate’ tra gli altri dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini e dal sindaco di Verona Flavio Tosi che in mattinata le avevano prese in consegna dal presidente ucraino Petr Poroshenko
Sono passati 397 giorni dal colpo messo a segno da tre uomini armati e mascherati arrestati il 13 marzo di quest’anno. Le opere vennero recuperate il 15 maggio in un prato dell’isola di Turunciuk sul fiume Dnesdr al confine ucraino. Da fine maggio i capolavori sono stati esposti al museo di Kiev sino ad oggi. Il 5 dicembre il tribunale di Verona ha condannato a oltre 31 anni di carcere 4 dei sei imputati per la rapina.
Franceschini, in Cdm venerdì giro vite su furti – “Venerdi porterò, assieme al collega ministro della Giustizia Orlando, in sede di consiglio dei ministri un disegno di legge che in sostanza identifica nuove tipologie di reato rispetto a danneggiamento e furto di opere di interesse di patrimonio culturale”. Lo ha annunciato il ministro della cultura Dario Franceschini rientrato questa sera a Verona da Kiev con le opere d’arte rubate lo scorso anno a Castevecchio.
cimg0161Poroshenko, furto fu terribile tragedia – “Fu una terribile tragedia quella che avvenne quando i quadri dei migliori pittori del mondo, come Tintoretto, Mantegna, Pisanello, Rubens e Caroto, furono rubati dal museo di Verona. Fu come se la città avesse perduto parte del suo cuore. Oggi restituiamo questi inestimabili capolavori ai nostri amici italiani”. Sono alcune delle parole pronunciate oggi dal presidente ucraino Petro Poroshenko durante la cerimonia di consegna all’Italia dei dipinti svoltasi al Museo d’arte ‘Bogdan e Varvara Khanenko’ di Kiev.

(Foto di Angelo Miatello)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...